Emmazine

Alice: L'idea del romanzo mi ha colto in pieno una domenica in cui mi era venuta a trovare Anja. Avevo appena finito di farle vedere uno dei miei film preferiti, "Le belve" di Oliver Stone, tratto dal romanzo di Don Winslow, libro che adoro. Una delle cose che ho amato di questa storia, e che mi è saltata all'occhio più di tutte, è lo straordinario legame dei due protagonisti maschili. Nel noir di Winslow, per chi non conosce la trama, parte tutto dalla favolosa storia d'amore a tre: due uomini, due amici, due ragazzi che sono l'uno l'opposto dell'altro ma legati come fratelli, amano la stessa donna. E lei ama entrambi perché, insieme, i due formano l'uomo perfetto. Tutto è...

Ci abbiamo pensato e ripensato, ne abbiamo parlato durante la riunione di redazione e finalmente siamo riuscite a pensare a un regalo per voi, appassionate lettrici, per premiarvi e per arricchire con le vostre testimonianze il nostro incontro al Salone Internazionale Del Libro di #‎Torino. Questa volta si tratta di testimonianze fotografiche. Ebbene sì, abbiamo deciso di raccogliere tutte le foto scattate da voi e di proiettarle durante l'incontro che terremo il 15 maggio alle 14 nella sezione #‎BookToTheFuture. Una specie di concorso, un pretesto per premiare la vostra dedizione. I requisiti sono: 1. Una foto (una sola per ogni lettrice) che non deve essere scaricata dal web, ma che dovrete scattare voi, con le vostre mani, con le vostre...

Osservazioni e riflessioni (più o meno serie ma rigorosamente al femminile) sul romance al cinema a cura di Patrizia Violi     Lei è una graziosa parrucchiera di provincia, lui un affascinante intellettuale parigino, professore di filosofia e autore di saggi. Lei adora il karaoke e Jennifer Aniston, mentre lui cita Kant in continuazione e frequenta l’Opera. Un bel giorno, per caso, lei gli taglia i capelli e scocca il colpo di fulmine. Durerà a prescindere dall’abisso socio-culturale che li separa? La passione trionferà über alles? È questa la trama di Sarà il mio tipo?, la commedia di Lucas Belvaux (tratta dal romanzo Pas son genre di Philippe Vilain), che ripropone, con una cifra sentimentale condita da una buona dose di...

Parlare e scrivere dei social è un po’ come spalare il vialetto di casa mentre nevica. Il tempo di arrivare alla fine e il tuo post è già datato, è già cambiato tutto. I social sono in movimento costante, sono spiazzanti; non sono uno spazio, sono una traiettoria. Sono un universo a parte e chi vi entra pensando di sapere a priori come muoversi finisce quasi sempre con lo sbattere il muso da qualche parte. È quello che succede spesso agli scrittori. Ha ragione Stefano Piedimonte quando scrive sul “Corriere della Sera” che gli editori oggi ti chiedono di farti promozione, ha ragione quando scrive che è la fine della solitudine tanto cercata e ha senz’altro ragione quando parla di...

25-03-2015

Nel 2008, alla presentazione del mio primo libro (La memoria impossibile, TEA) mi sono definita “primipara attempata”, una vecchia etichetta da reparti di ostetricia, un tempo affibbiata – sembra incredibile – alle puerpere trentenni. Io, nel 2008, avevo 49 anni ed ero una scrittrice esordiente. L’amore per la lettura e la scrittura dura da tutta la vita, trasmessa e lasciata in eredità da mio padre, alla pubblicazione sono arrivata tardi – almeno secondo gli standard attuali – perché ho lavorato molto, ho tirato su tre figli, mi sono sposata due volte, ho scritto ma non riuscivo a occuparmi anche di me stessa come scrittrice. Non si può fare tutto. Ci sono riuscita quando i figli sono stati grandi, quando alcune...

10-03-2015

Per amore o per soldi?

di Patrizia Violi

Esco dal cinema dove ho appena visto le famose Cinquanta sfumature e mi domando: se Mr. Grey fosse stato povero, Anastasia si sarebbe fatta accalappiare ugualmente? Si sarebbe fatta legare al letto sospirando e gemendo, dopo essersi sorbita tutta la tiritera del contratto di sottomissione? Condivido il mio dubbio con l’amica che ha appena visto il film con me. «Penso di sì, perché è un figo pazzesco!» Certo, è inconfutabile. Però se fosse stato solo Christian, senza il “Mister” davanti? Anzi italianizziamolo in Cristiano: un ventisettenne qualsiasi, un laureato precario, un magazziniere, un edicolante. Allora tutta l’architettura della storia cadrebbe, il fascino sarebbe dimezzato. Espongo nel dettaglio la mia tesi mentre andiamo a recuperare la mia macchina dal parcheggio. «Anastasia...

I libri sono come i figli, uno li mette al mondo e li ama tutti, soprattutto i meno fortunati: perdonatemi il paragone un po’ usato, ma che in fondo ci azzecca. Dei miei otto figli (sei romanzi, un reportage letterario e un libro per ragazzi), La ragazza di Ratisbona è il sesto e quello che più ha faticato a farsi strada e che perciò amo particolarmente. È un omaggio alla città in cui ho abitato per tanti anni e a Barbara Blomberg, la sua eroina. Una lapide sulla facciata del palazzo in cui era solito alloggiare Carlo V, proprio davanti alla finestra del mio soggiorno di allora, ricorda il famoso incontro tra l’imperatore e la bella popolana che mise al...

03-02-2015

Se il tuo sogno è diventare uno scrittore, oggi non basta più essere delle buone penne: è indispensabile conoscere alcune tecniche non solo per rendere più efficace la scrittura, ma anche e soprattutto per pubblicare e far conoscere al pubblico il tuo libro. Tecniche che in pochi sono disposti a rivelare… Ecco perché Emma ha deciso di aprire le porte della propria casa per trascorrere la giornata insieme e svelarti tutto quello che probabilmente a nessun corso di scrittura è mai stato insegnato.   TI ASPETTIAMO SABATO 7 MARZO IL GIORNO PRIMA DELLA FESTA DELLA DONNA ALLE ORE 9.30 IN VIA DEGLI OLIVETANI, 12 MILANO   ACQUISTA IL BIGLIETTO PER PARTECIPARE AL WORKSHOP, IN SCONTO PER POCHI GIORNI A SOLI 99 EURO!   Emma Books è una...

19-01-2015

Chiacchierando di colori, generi letterari e principesse Disney, davanti a una tazza di tè     Il rosa è conservatore o progressista? Me lo chiedevo l’altro giorno, insieme a un’amica. Sì, il rosa, proprio il colore, con tutte le sue connotazioni, letterarie e non. Secondo la mia amica il rosa è conservatore. Non aveva dubbi. La mia amica è una di quelle persone che ti saltano addosso se dici avvocato invece di avvocata, per intenderci. Una femminista incrollabile. Per lei il rosa è il colore dei giocattoli sessisti, delle discriminazioni di genere, dei ruoli imposti alle donne e degli stereotipi da abbattere. «E in letteratura?» le ho chiesto. Lei ha storto un po’ il naso (non lo considera proprio “letteratura”, il...

23-12-2014

Un piccolo regalo da parte di Emma Books e di Monica Lombardi che crediamo farà piacere alle lettrici del GD Team. Come trascorre il Natale il Team? Torniamo all’ultimo Natale che hanno vissuto, prima degli eventi raccontati in Vertigo e in Free Fall. Ma vi avvertiamo, potrebbero esserci piccoli spoiler per chi ancora non avesse letto la serie. Auguri di un meraviglioso Natale!   Buon Natale, Team Racconto natalizio della serie GD Team    Zermatt, 23 dicembre 2012 In mezzo al bosco il silenzio era rotto solo dal ritmico fruscio dei suoi sci sulla neve. Swoosh-swoosh-swoosh, il rumore accompagnava la flessione delle gambe e il bastoncino che toccava appena lo strato soffice, perfetto. Né ghiacciato né troppo fresco, farinoso ma...

24-10-2014

#leggendoemma

di Emma Books

Qual è il posto più bello in cui avete letto un Emma? E il più strano? Il digitale crea situazioni di lettura insolite e impreviste, raccontateci le vostre su Facebook! E per leggere quelle degli altri lettori cliccate sull'hashtag #leggendoemma Viviana Stoppa e Nicky Oggi in pausa pranzo ho recensito la Lombardi. Eh, sì, perché Emma Books si legge bene in pausa pranzo. Katia Blaszka Ho letto un Emma in una baita in montagna , avolta in un plaid e con un scopietante caminetto davanti. E sognavo Mr. Grizzly. Teresa Siciliano Io porto il reader dappertutto, perfino in chiesa (dove cerco di leggere testi religiosi, ma non sempre ci riesco). Sissia Six e Tutta colpa del vento Bellissimo, sarà che l'ho...

14-10-2014

Social Book Day

di Emma Books

Emma Books sosterrà la seconda edizione di Social Book Day di mercoledì 15 ottobre. L’obiettivo di questa iniziativa è sensibilizzare sull’importanza della cultura e della lettura twittando o pubblicando su Facebook un pensiero o una citazione proveniente da un libro, seguiti dall’hashtag #socialbookday.